Contabilità

Informazioni e aggiornamenti in merito alle corrette procedure contabili da seguire, dalle operazioni giornaliere alle chiusure del bilancio.

Pacchetto Professionista in semplificata light – online

Sei un Geometra, Architetto, Ingegnere, Avvocato, Psicologo, Medico…?

Sei stanco di dover perdere del tempo prezioso, per portare i tuoi documenti contabili dal Commercialista?

Sei stufo di non sapere mai con chiarezza, quanto ti costa la tenuta della tua contabilità e la gestione dei tuoi adempimenti fiscali? Continua a leggere

Pacchetto forfettario light – online

Desideri aprire una tua attività, in regime forfettario?

Hai già la partita IVA ed operi in regime forfettario, ma il tuo tempo è sempre troppo poco e le tue spese troppo ingenti?

Dedicaci solo 5 minuti della tua giornata…. Continua a leggere

Occultamento della contabilità

Reati contabili

Quando una fattura viene emessa ma non viene conservata è un reato detto occultamento della contabilità.

Anche solamente non stampare la fattura è occultamento della contabilità. Si può definire un delitto vero e proprio. Continua a leggere

FATTURE D’ACQUISTO: RIDOTTI I TERMINI DI DETRAZIONE DELL’IVA

A seguito dei chiarimenti resi dall’Agenzia delle Entrate con circolare n. 1 del 17/01/2018, riteniamo utile riepilogare i cambiamenti in tema di detraibilità iva sugli acquisti e sui termini per le registrazioni.

L’articolo 19 DPR 633/72 come modificato nel corso del 2017 prevede che il diritto alla detrazione può essere esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto.

Continua a leggere

Novità nei pagamenti con F24

Dal 24 aprile 2017 la normativa prevede due nuove importantissime regole, per il pagamento dei modelli F24:

  • Riduzione da 15.000 a 5.000 euro del limite oltre il quale, per poter utilizzare in compensazione dei crediti fiscali con debiti di altra natura è necessaria l’apposizione del visto di conformità. C.d. compensazione orizzontale;
  • Obbligo, per i titolari di partita IVA, dell’utilizzo dei servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, per il pagamento dei modelli F24 contenenti compensazioni di qualsiasi natura e/o importo.

Continua a leggere

Regime di cassa per le imprese minori 2017

Da quest’anno le imprese c.d. minori (comunemente dette anche in contabilità semplificata) sono interessate da una importante novità.

Continua a leggere

I metodi per il calcolo dell’acconto IVA da versare

Entro il giorno 27/12/2016 deve essere versato l’acconto IVA. L’acconto IVA può essere calcolato utilizzando tre metodi.

Il metodo storico per il calcolo dell’IVA

Il “metodo storico” prevede il versamento dell’88% dell’IVA dovuta nell’ultimo mese o trimestre dell’anno precedente.

Il metodo previsionale

Il “metodo previsionale” prevede il versamento dell’88% dell’IVA dovuta stimando le operazioni riferite all’ultimo mese o trimestre dell’anno in corso.

Il metodo analitico

Il “metodo analitico” preveder il versamento dell’IVA dovuta fino alla data del 20/12/2016 (c.d. liquidazione straordinaria al 20/12)

Ci sono dei casi d’esonero?

Si, sono esonerati dal versamento dell’acconto IVA:

  • Coloro che operano in regime di vantaggio;
  • Coloro che operano in regime forfettario;
  • Coloro che operano in regime agricolo d’esonero;
  • Coloro che esercitano attività d’intrattenimento;
  • Coloro che effettuano solamente operazioni esenti o non imponibili ai fini IVA;
  • Coloro che, avendo cessato l’attività nel corso del 2016, non devono effettuare la liquidazione IVA periodica relativa all’ultimo periodo dell’anno;
  • Le ASD e le associazioni in genere, che operano in regime forfettario.

Inoltre l’acconto IVA, calcolato con qualsiasi metodo, non deve essere versato se l’importo dovuto è inferiore a 103,29€.

Desideri avere maggiori informazioni in merito al pagamento dell’acconto IVA? Lascia un commento qui sotto, ti risponderemo il prima possibile.

In alternativa ti ricordiamo che puoi contattarci in ogni momento tramite il nostro modulo contatti del sito, concordando con noi un appuntamento conoscitivo senza impegno.

Non ho ricevuto una fattura: cosa devo fare?

Secondo l’articolo 21 del DPR 633/72 il soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio DEVE emettere fattura.

Cosa devi fare nel caso non la ricevessi?

Non di rado succede che, anche dopo numerosi solleciti, non si riceva la fattura dal proprio fornitore. In questo caso, se la fattura non viene pervenuta entro quattro mesi dalla data di effettuazione dell’operazione, l’acquirente del bene o il committente  del servizio, deve entro il trentesimo giorno successivo:

  • Emettere autofattura in duplice copia;
  • Nel caso si tratti di operazione imponibile, procedere con il versamento dell’imposta con modello F24, codice tributo 9399;
  • Presentare all’ufficio dell’Agenzia Entrate l’autofattura completa di copia del versamento.

In seguito l’ufficio vi rilascerà un’attestazione e questo documento andrà registrato nel registro acquisti, in modo da poter detrarre l’imposta.

La sanzione amministrativa è pari al 100% dell’imposta evasa, con un minimo di 258 euro se non dovessi rispettare la procedura sopra indicata.

Si specifica che per “momento di effettuazione dell’operazione” si intende:

  • Al momento della consegna o spedizione del bene mobile;
  • Al momento del pagamento del corrispettivo, per le prestazioni di servizi;
  • Al momento della stipula dell’atto, se l’oggetto dell’operazione è il trasferimento di un bene immobile.

Ti è piaciuto l’articolo? L’hai trovato utile? Lasciaci un tuo commento qui sotto ti risponderemo appena possibile!