Dichiarazione dei redditi

Indicazioni sui documenti da conservare e presentare in fase di elaborazione della dichiarazione dei redditi.

La detrazione delle spese veterinarie 2020

Dal 01/01/2020 le modalità di detrazione delle spese veterinarie sono nettamente variate. L’importo massimale detraibile è stato aumentato, sono stati cambiati i metodi di pagamento accettati al fine del beneficio fiscale e sono stati applicati degli svantaggi, per i contribuenti con redditi alti.

 

Vediamo ora il tutto, nel dettaglio…

 

Massimale detraibile

Il massimale detraibile è stato portato a 500€, per la parte eccedente 129,11€ (la franchigia). La percentuale di detraibilità è fissata al 19% ed il limite di spesa è riferito all’ammontare complessivo delle spese sostenute dal soggetto che intende usufruire della detrazione, indipendentemente dal numero di animali posseduti.

 

Modalità di pagamento

Al fine di poter fruire della detrazione, il pagamento delle spese veterinarie non deve essere effettuato con contanti, bensì esclusivamente per mezzo tracciato. Dunque, sono ammessi gli assegni, i bonifici bancari e postali, le carte di debito e di credito.

 

Parametrazione al reddito complessivo

  • Se il soggetto che intende beneficiare della detrazione, percepisce un reddito complessivo lordo, inferiore a 120.000€ può beneficiare della detrazione piena. Pertanto, nel caso di sostenimento di spese veterinarie annuali pari a 500€, ha un beneficio fiscale di 70,47€ ((500€ – 129,11€)*19%).
  • Se il soggetto che intende beneficiare della detrazione, percepisce un reddito complessivo lordo, tra i 120.000€ ed i 240.000€, può beneficiare della detrazione corrispondente al rapporto tra quest’ultimo massimale e 120.000€, diminuito del reddito percepito. Dunque, se percepisce 180.000€ e sostiene 500€ di spese veterinarie annuali, gli spetta una detrazione pari a 35,23€  ((500€ – 129,11€)*((240.000€ – 180.000€)/120.000€)*19%).
  • Se il soggetto che intende beneficiare della detrazione, percepisce un reddito complessivo lordo, superiore a 240.000€ non può avere nessun ristoro.

 

Ricordiamo, che sono detraibili le spese sostenute a favore di animali legalmente detenuti, solamente a scopo di compagnia e pratica sportiva, per esempio:

  • Visite del medico veterinario
  • Interventi chirurgici del medico veterinario
  • Analisi di laboratorio
  • Acquisto di medicinali prescritti

 

Al fine del beneficio fiscale, in fase di presentazione della Dichiarazione dei redditi è necessario presentare:

  • Fatture o ricevute rilasciate dal veterinario (dal quale si evinca il codice fiscale, del soggetto che ha sostenuto la spesa)
  • Scontrini fiscali relativi ai farmaci acquistati (dal quale si evinca il codice fiscale, del soggetto che ha sostenuto la spesa)

 

In ultima, segnaliamo che le spese veterinarie sostenute dai famigliari a carico, non sono mai detraibili. Dunque, se per esempio la moglie sostiene una spesa veterinaria per il cucciolo di famiglia ed il documento fiscale è intestato a lei, il marito non può ottenere alcun beneficio fiscale, anche se il coniuge è fiscalmente a suo carico.

Desideri avere maggiori informazioni? Contattaci!

 

Spese funebri: sono detraibili? Si, all’estero!

LE SPESE FUNEBRI SOSTENUTE ALL’ESTERO SONO DETRAIBILI

Le spese funebri possono essere detratte del 19%, con un tetto massimo d’importo sostenuto di 1.550 €.

Queste spese si detraggono, a prescindere dal vincolo di parentela tra chi le sostiene ed il defunto.

Sono detraibili tutti i costi pagati per l’organizzazione del funerale, mentre non si ottiene alcun beneficio fiscale per le spese sostenute anticipatamente, in previsione delle future onoranze funebri, come l’acquisto del loculo prima della morte Continua a leggere

Bonus per gli alunni affetti da DSA

Per studenti sia minorenni che maggiorenni, affetti da disturbo specifico dell’apprendimento (DSA) ,fino al completamento della scuola secondaria è prevista una detrazione IRPEF del 19% su alcune spese sostenute nel 2018.

Per usufruire di questa detrazione, occorre disporre di un certificato che attesti la malattia, emesso da SSN, specialisti o strutture accreditate. Continua a leggere

Canone RAI 2018

Lo sai che hai tempo solamente fino al 31 gennaio, per richiedere il non addebito del Canone RAI 2018?

Questa richiesta deve essere trasmessa all’Agenzia delle Entrate ed all’interno deve essere specificata la motivazione per la quale si dichiara di essere esonerati dal pagamento. Continua a leggere

Bonus matrimonio: cos’è e come funziona

Bonus sposi INPS assegno congedo matrimoniale

Il bonus matrimonio 2017, è un’aiuto da parte dell’INPS in occasione delle nozze, di quei sposi, che con specifiche caratteristiche, possono presentare la domanda all’Istituto. Continua a leggere

Spese di istruzione scolastica

LA SCUOLA

Detrazione

Le spese di istruzione non universitaria sono detraibili per il 19%. La legge della “Buona Scuola” ha modificato la detrazione delle spese per la frequenza scolastica che dal 2015 sono state distinte da quelle universitarie. Continua a leggere

Detrazione per le cure termali

Le cure termali sono detraibili?

Sono detraibili in quanto considerate spese mediche generiche (art. 15 del TUIR), purché:

  • Siano prescritte da un medico;
  • Venga conservata la fattura, o la ricevuta fiscale.

Continua a leggere

Maggiori detrazioni per le spese d’istruzione!

La Legge di Stabilità 2017 ha modificato l’ammontare delle spese d’istruzione detraibili.

Continua a leggere

La spesa sostenuta per l’acquisto di un cane guida è detraibile?

Non tutti sanno che per i soggetti non vedenti la spesa relativa all’acquisto di un cane guida è detraibile! Ecco tutto quello che devi sapere!

La detrazione spetta per l’acquisto di un solo cane e per l’intero costo sostenuto. Essa spetta inoltre una sola volta nell’arco di quattro anni, tranne in caso di decesso dell’animale stesso.

Per usufruire della detrazione, dev’essere presentata la fattura comprovante l’acquisto del cane intestata al non vedente e/o al famigliare di cui è a carico fiscalmente, allegando alla stessa la certificazione attestante l’invalidità.

Si possono detrarre le spese sostenute per il mantenimento dell’animale?

La risposta è sì! Il soggetto non vedente e, solo ed esclusivamente lui, può detrarre anche il mantenimento del cane guida con un limite massimo di euro 516,46

Ti è piaciuto l’articolo o hai domande? Lasciaci un commento qui sotto, ti risponderemo appena possibile. In alternativa ti ricordiamo che puoi contattarci in ogni momento tramite il nostro modulo contatti del sito, siamo sempre a tua disposizione!

Familiari a carico

Siamo al corrente di quali familiari possiamo considerare fiscalmente a carico?

Sappiamo quali condizioni devono essere rispettate per avere questi benefici fiscali?

Vediamole oggi insieme!

Continua a leggere